Sasso contro forbice. Vince sasso, come da piccoli!

Si è svolto ieri, martedì 22 marzo, presso la prestigiosa sede di Palazzo Costa, il quarto evento pubblico organizzato da Vespero. Ospiti, ancora una volta, di UPA Federimpresa Piacenza, i Rinoceronti hanno invitato il dott. Cottarelli e l’avv. De Nicola per affrontare il delicato e fondamentale tema legato al taglio della spesa pubblica italiana.

Questo slideshow richiede JavaScript.

I lavori sono stati inaugurati dal dott. Alberto Squeri, commercialista e socio fondatore della nostra associazione e particolarmente interessato al tema di cui all’oggetto dell’incontro. L’evento ha avuto inizio con un doveroso minuto di silenzio, invocato da Squeri, in suffragio delle vittime della tragedia spagnola e della barbara violenza terrorista.

La moderazione dell’evento è invece stata affidata ad un insuperabile Giorgio Lambri, ottimo giornalista e amico.

Sono stati affrontati diversi temi, durante l’incontro, ma tutti finalizzati ad evidenziare quanto sia irrinunciabile procedere ad un deciso taglio della spesa pubblica. Secondo le stime del dott. Cottarelli, l’attuazione per un periodo di quattro anni dei tagli contenuti nel suo piano ed esplicati nel libro, edito da Feltrinelli, “La lista della spesa”, sarebbero in grado di garantire stabilità al sistema-paese e, nel medio periodo, di consentire una sensibile riduzione della pressione fiscale, ormai insopportabile.

L’avv. De Nicola, incalzato dal moderatore, ha voluto evidenziare come la questione delle questioni sia rappresentata dalla volontà politica. Su questo fronte si è trovato molto in linea con il pensiero di Cottarelli nell’affermare che la presenza di un commissario al taglio della spesa pubblica rappresenti, già di per se, una bizzarra caratteristica italiana. Il noto avvocato e presidente dell’associazione The Adam Smith Society , ha poi evidenziato come i governi che hanno avuto il coraggio – politico – di ridurre drasticamente la spesa stiano ora crescendo “che è una bellezza”.

DSC08716

Tenuto conto dell’attualità politica che interessa la nostra provincia, non si poteva non affrontare il tema legato alla fusione dei Comuni. Cottarelli ha evidenziato come il tema sia direttamente trattato nel suo libro e che 8000 municipalità siano troppe e, soprattutto, non necessarie per garantire un adeguato livello dei servizi. Il direttore esecutivo del F.M.I. ha poi voluto significare come certe resistenze, fondate su istanze di salvaguardia delle identità, siano del tutto fuori luogo in quanto l’identità potrebbe ben essere salvaguardata da altri soggetti, diversi dagli Enti locali. Questi ultimi dovrebbero, invece, amministrare i territori di loro competenza. Anche De Nicola ha condiviso sostanzialmente questa analisi proposta da Cottarelli, evidenziando come la “questione identitaria” sia un aspetto molto caratteristico del nostro Paese e rappresenti spesso un limite al rinnovamento imposto dal mutare dei tempi.

Al termine della relazione è stato possibile raccogliere le domande del pubblico che ha partecipato in modo molto attivo all’incontro.

A nome dell’associazione intendo manifestare tutta la nostra soddisfazione nell’aver potuto offrire un interessante momento di approfondimento e dibattito con ospiti di tale livello. La riduzione del peso dello stato nella vita dei cittadini è uno degli aspetti più centrali che una seria e credibile politica nazionale ed europea dovrebbe porre in essere. E’ stata significativa pertanto la numerosa partecipazione di esponenti del mondo produttivo, di amministratori locali – fra cui il Presidente della provincia – e tanti professionisti ed imprenditori.

Dopo l’evento di ieri è ancor più radicata in me la convinzione che “sasso batte forbice”. Richiamando la brillante intuizione comunicativa del nostro Massimo Pancini, mi viene da dire che, come nei giochi d’infanzia, lo stato sprecone e baraccone (sasso) ha vinto contro l’articolato e lungimirante piano di riduzione della spesa elaborato dal dott. Cottarelli (forbice). La riduzione del peso dello stato è uno degli aspetti principali su cui indirizzare l’azione di governo. D’altro canto, come ha affermato Cottarelli, la riduzione della spesa non è di destra né di sinistra: è buon senso (dico io).

L’agenda di Vespero è fitta di appuntamenti e vi invitiamo a voler partecipare, sempre più attivamente, alla nostra vita associativa.

Un breve memorandum:

  • 14 aprile, ore 21.00 incontro con il prof. Lottieri;
  • 21 aprile, ore 21.00 inizio di un ciclo di 5 incontri di formazione professionale con Ing. Golini (iscrizioni chiuse);
  • 24 maggio, ore 18.00, incontro con E. Galli della Loggia.

Seguite il Rinoceronte, ne vale la pena!

Fabio Callegari

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...